VIRTUAL LIBRARY

 

... Questa libreria, la quale presentemente sebbene di piccola mole,

dovrà essere come il seme che si presenterà un dì copiosa scelta a

comodità e utilità degli Ecclesiastici, e di chi si troverà di freqentarla...

Dal testamento del prevosto Giacinto Amati

( Biblioteca dei Servi - fondo Archivi, b/L9 )

 


BIBLIOTECA DEI SERVI DI MILANO

 

La biblioteca dei servi è situata nel convento dei Servi di Santa Maria di San Carlo al Corso in Milano ( accesso da Corso matteotti, 14 ).
Nucleo originario della Biblioteca fu il Fondo Amati, raccolta di circa 4000 volumi comprendente manoscritti, incunaboli, edizioni del XVI secolo, edizioni del '600, '700, '800 lasciati in eredità alla parrocchia di San Carlo, attualmente gestita dai Servi di Maria, dal prevosto Giacinto Amati ( 1778 - 1850 ).
La consistenza della biblioteca accrebbe nel tempo, in particolare in seguito al rientro dei Servi a Milano ( 1926 ) dopo le soppressioni napoleoniche ( 1779 ), e fu ufficialmente aperta al pubblico nel 1965 dall' allora priore del convento p. Filippo M. Berlasso.
Oltre alla raccolta del prevosto Giacinto Amati, la Biblioteca conserva un Fondo Archivi, che raccoglie la documentazione ( 1540 - 1787 ) relativa a cinque parrocchie soppresse nel 1787 a Milano in zona Porta Orientale ( Santa Maria alla Passarella, San Paolo in Compito, San Vito in Pasquirolo, San Giorgio al Pozzo Bianco, San Pietro all' Orto ), depositata presso l' archivio parrocchiale di Santa Maria dei Servi ( che aveva assorbito le cinque parrocchie in questione ), e i documenti relativi alle parrocchie di Santa Maria dei Servi e di San Carlo al Corso ( 1787 - 1925 ). Tale documentazione è stata inventariata con la supervisione della Soprintendenza Archivistica per la Lombardia e ha ottenuto in data 12 gennaio 1998 la dichiarazione di " Archivio di notevole interesse storico ".
Attualmente la biblioteca ha raggiunto una consistenza di circa 24.000 volumi.
È organizzata, per quanto riguarda la collocazione dei volumi, in diverse sezioni tematiche; è specializzata Mariologia, Teologia, Sacra Scrittura, Patrologia, Storia del Cristianesimo, Ecumenismo, Storia delle Religioni, Filosofia, Arte, Cinema ( presso il Convento di San Carlo ha sede l' omonimo Cinecircolo ), Storia di Milano, e raccoglie una sezione interamente dedicata all' Ordine dei Servi di Maria e in particolare a padre David M. Turoldo, figura di spicco della cultura milanese del dopoguerra, scomparso nel 1992.
La biblioteca è attrezzata con una sala di consultazione, nella quale viene accolta l' utenza esterna, in cui si trovano opere di consultazione di carattere generale accanto a repertori speciali, e possiede inoltre oltre 40 titoli di riviste a carattere prevalentemente religioso in abbonamento corrente.
Dal 1995 la Biblioteca è in fase di riorganizzazione: il catalogo esistente è in forma cartacea per autori, non redatto con regole internazionali, ed è ora in via di informatizzazione, in seguito dell' acquisizione del sofware CDS/ISIS ( applicazione TECA ), in linea con la scelta della Pontificia Facoltà Teologica "Marianum" di Roma, cui i Servi di Milano fanno riferimento. Accanto alle regole internazionali per la descrizione bibliografica, vengono attribuiti i soggetti utilizzando il Soggettario di Firenze e il Soggettario Teologico adottato dalla Biblioteca dell' Istituto Teologico S. Antonio Dottore di Padova ( la scelta delle voci di soggetto viene adeguatamente segnalata ).
Si è iniziata ed è stata terminata la catalogazione retrospettiva dei volumi relativi all' Ordine dei Servi di Maria e alla sezione Mariologia; in seguito, si è proseguito con la catalogazione delle nuove acquisizioni relative a diversi argomenti dal 1994 a oggi, non inserite nel catalogo cartaceo. Ultimo passo sarà la catalogazione del pregresso.
Parallelamente si stanno in oltre redigendo un aggionamento del catalogo dei periodici ( in forma cartacea con l' utilizzo della norma UNI 6392; è probabile che tale catalogo venga presto informatizzato in seguito all' offerta, ancora da valutarsi, del software per la gestione delle riviste adottato dalla Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Venegono Inferiore ) e il catalogo del fondo Amati ( l' Istituto Centrale per il Catalogo Unico e la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma hanno già inviato il materiale per la schedatura delle edizioni di pregio ), per la partecipazione a inventari e cataloghi nazionali.
In data 21 novembre 1997 è stato approvato dal Capitolo conventuale il nuovo regolamentoper gli utenti interni, residenti nel convento, ed esterni della biblioteca: la Biblioteca dei Servi è accessibile al pubblico dal martedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12.30 e fornisce servizio di informazioni bibliografiche e fotocopie su richiesta. Il servizio di reference viene fornito anche, per quanto possibile, telefonicamente.

Francesca Carnevale Pellino

 

BIBLIOGRAFIA

 

La Biblioteca dei Servi è stata citata nelle seguenti guide:

 

REGIONE LOMBARDIA,
Guida alle biblioteche speciali della Lombardia, Milano, Bibliografica, 1991, p.137.

REGIONE LOMBARDIA,
I fondi speciali delle biblioteche lombarde. Volume primo: Milano e provincia. Censimento descrittivo, a cura dell' Istituto lombardo per la storia della Resistenza e dell' età contemporanea, Milano, Bibliografica, 1995, p.172
( viene citato il Fondo Giacinto Amati ).

ASSOCIAZIONE BIBLIOTECARI ECCLESIASTICI ITALIANI,
Annuario delle biblioteche ecclesiastiche italiane 1995.
A cura di Luciano Tempestini,Milano, Bibliografica, 1995, p.157.

 

PER INFORMAZIONI

Biblioteca dei Servi
corso Matteotti, 14 - MILANO

Tel. - 027330239
Fax - 02799433



NOVANTIQUA MULTIMEDIA

SOLUZIONI PER L' ARCHIVIAZIONE

ELECTRONIC PUBLISHING - VIRTUAL LIBRARY ON LINE

Virtual Library

Pagina a cura di Paolo Tentori
 overtop.com